Idoli e Rivali

Introduzione

Oggi le parole chiave “competizione”, “concorso” e “gara” sono associate principalmente agli affari, allo sport, alla teoria evolutiva, all’architettura o a vari concorsi televisivi. All’inizio dell’era moderna, tuttavia, il principio della competizione era determinante per il lavoro artistico. L’opinione prevalente era che l’abitudine competitiva all’imitazione, alla competizione e al superamento (imitatio, aemulatio e superatio) portasse al progresso. Il punto di riferimento era, come spesso accade, l’antichità.

Alcune delle opere più famose del Rinascimento e del Barocco sono emerse dalle competizioni che gli artisti della prima Europa moderna hanno avuto tra di loro, ma anche con celebrità morte da tempo.

A volte, la competizione per ottenere commissioni prestigiose portava a un clima aggressivo in cui si aprivano abissi, come la gelosia artistica con i suoi intrighi, le botte e le maldicenze. Tuttavia, esistono esempi di collaborazione, in cui gli specialisti hanno lavorato insieme per creare opere che nessuno di loro avrebbe potuto realizzare da solo.

La mostra presenta in gruppi tematici alcune delle più importanti occasioni e sedi di competizione artistica.

La concorrenza nell’antichità

Chi sta ingannando chi? Zeusi e Parrrasio

Lo scrittore romano Plinio il Vecchio (23/24-79 d.C.) raccontava la competizione tra artisti famosi in numerosi aneddoti. Una domanda cruciale era:

Chi riesce a raffigurare un oggetto in modo così realistico da ingannare un animale o addirittura una persona?

Si dice che il pittore greco Zeusi abbia dipinto dei grappoli d’uva che attiravano gli uccelli. Il suo avversario Parrasio, invece, si dice che abbia creato una tenda e abbia chiesto a Zeusi di scostarla per guardare il dipinto nascosto dietro di essa (Fig. 1). Ingannato da questo trucco, Zeusi ammise la sconfitta, poiché lui stesso era riuscito a ingannare solo gli animali.

Dal Rinascimento sono stati creati molti dipinti che alludono a questo aneddoto (1, 2, 3). Tali raffigurazioni offrivano agli artisti l’opportunità di dimostrare la propria erudizione e di misurarsi con i modelli antichi.

La concorrenza nel mito

Fino alla morte: Apollo e Marsia

Il satiro Marsia, che aveva una sfrontata consapevolezza suonando il melodioso flauto di canna, sfidò Apollo, il dio delle arti, in una gara musicale. Atena, l’inventrice di questo strumento, lo aveva gettato via perché vedeva il suo volto sfigurato dal suonare il flauto. È raffigurata con un gesto di difesa sull’antico cratere colonnato accanto a Marsia, la cui pelliccia ispida è indicata dai puntini bianchi.

Mentre il cratere mostra la scena prima della gara vera e propria, il dipinto del pittore barocco italiano Luca Giordano raffigura il crudele momento successivo: lo scorticamento dello sfortunato perdente Marsia da parte del dio dai capelli biondi.

In una variante del mito di Arsia, la gara tra Apollo e Pan, è il giurato non qualificato a essere punito da Apollo. La lastra di rame di De Clerck mostra come al re Mida, l’unico a governare contro il dio, crescano orecchie d’asino.

La concorrenza nell’antichità

Amazzoni in competizione

Per il Tempio di Artemide a Efeso, una delle Sette Meraviglie del Mondo Antico, i più famosi scultori greci crearono statue di amazzoni ferite intorno al 430 a.C..

Si dice che gli artisti, tra cui Fidia, Policleto e Kresilas, fossero concorrenti e allo stesso tempo giurati. Sebbene ogni scultore abbia scelto la propria opera come vincitrice, alla fine c’è stato un chiaro vincitore: Policleto, la cui figura è stata votata al secondo posto da tutti gli altri concorrenti.

Oggi abbiamo copie romane delle statue originali, che si possono dividere in tre tipi. L’ Amazzone qui raffigurata, proveniente dai Musei Vaticani, è considerata la replica meglio conservata della statua di Fidia, che secondo la tradizione di Plinio era arrivata seconda.

La competizione con l’antichità

La competizione con la presunta “antichità

Nel XVIII secolo, l’antichità era il metro insuperabile con cui gli scultori dovevano orientarsi. Georg R. Donner ha cercato di essere all’altezza di questa affermazione, ma nel farlo ha condotto una competizione con falsi pretesti: Intorno al 160, il famoso scultore barocco e restauratore di successo di antichità Francois Duquesnoy era riuscito a realizzare statue di bronzo che assomigliavano in modo confuso ai loro modelli antichi. Donner ha potuto studiarne uno, Apollo e Cupido, nella Collezione Liechtenstein. Lì, le opere di Duquesnoy erano considerate nel frattempo delle antichità – e anche Donner fu ingannato: cercò di superare l’originale “antico” con parafrasi originali.

Competizione con l’antichità

Competere con Apelle

Nell’antichità, la dea Afrodite veniva spesso raffigurata come “emersa dalle acque” (“anadyomene”), mentre risaliva dal mare e si asciugava i capelli. L’esempio più famoso è un dipinto di Apelle, il pittore preferito di Alessandro il Grande. Si dice che Apelle abbia modellato la sua Afrodite sulla bella cortigiana del re, Kampsaspe. La sua pittura, che è sopravvissuta solo nella letteratura, è servita da modello per gli artisti successivi.

Un rilievo su Antonio Lombardo ha elaborato l’immagine di Apelle in marmo. Il pittore di corte dell’imperatore Rodolfo II, Jodocus vam Winghe, inscena se stesso come Apelle che si innamora della sua bella modella.
Anche l’americano Raphaelle Peale si riferì ad Apelle con molta arguzia: basandosi sull’opera di James Barry, dipinse un’Afrodite Anadyomene, ma la “coprì” con un panno bianco, facendo così riferimento a un famoso aneddoto di rivalità artistica – la gara tra Zeusi e Parrasio.

La concorrenza nell’antichità

La corona di vittoria, composta da sottili lamine d’oro, è stata ritrovata nei pressi dell’attuale città di Chlakis nella tomba dell’atleta Teocle.

Raffigura rami di ulivo o di alloro che venivano trasformati in corone e assegnati come trofei nelle competizioni sportive. Nell’antichità, le ghirlande d’oro lavorate ad arte avevano anche un certo valore materiale. Prima di tutto, però, erano considerate un simbolo di gloria perpetua, che i vincitori ottenevano non solo per se stessi ma anche per le rispettive città di provenienza.

Poi l’anfora del famoso pittore di vasi Euthymides è considerata l’oggetto della competizione per eccellenza. Il vaso con raffigurazioni dipinte di addii di guerrieri e processioni festive reca sul fronte l’iscrizione “dipinto da Eutimide”, che prosegue sul retro con “come mai Euphronios” sarebbe stato in grado di fare. Grazie alla sua capacità di raffigurare le persone in modo particolarmente vivido, Eutimide si presentò come un artista all’avanguardia, che riuscì persino a superare Eufronio, il pittore di vasi che all’epoca non aveva rivali ad Atene.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Emanuele Sorrentino

Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

RockForAll

la musica è di tutti

Vite d'autore

I personaggi della 2a Guerra Mondiale in Romagna

Vania Cavicchioli

C'è un solo tipo di successo: quello di fare della propria vita ciò che si desidera. (Henry David Thoreau)

DIALOGHI APERTI

Un bambino che legge è un adulto che pensa

Historicaleye

L'occhio attivo sulla storia

baudelaireserge

A fine WordPress.com site

VOCI DAI BORGHI

Laudabunt alii claram Rhodon aut Mytilenem...

Discover WordPress

A daily selection of the best content published on WordPress, collected for you by humans who love to read.

Oceanchild

Viola sono io.

SCREECHH

ART. PHILOSOPHY. WORLD.

Spunti sull'Arte

"Arte è quando la mano, la testa, e il cuore dell’uomo vanno insieme".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: